menu

kinesiologia

La kinesiologia unisce tecniche manuali manipolative e di stimolazione riflessa con nozioni di agopuntura, nutrizione, gestione dello stress psico-emotivo e le associa alle moderne conoscenze delle medicine tradizionali in neuroscienze, biochimica, biomeccanica e fisiologia. Interviene sulla valutazione e la normalizzazione dei disturbi legati alle condizioni dolorose-funzionali, dei disturbi legati alla sensibilità verso gli alimenti e delle tensioni emotive. Questa disciplina si basa sul presupposto che il corpo ha una sua intelligenza interiore e che pertanto la valutazione della forza di alcuni muscoli permetta di individuare ogni tipo di disarmonia energetica nell’organismo. Il nostro sistema nervoso, infatti, è un’antenna in grado di percepire le frequenze sottili che gli strumenti scientifici non possono misurare e risponde alle vibrazioni di diverse sostanze, alle vibrazioni dei chakra e persino alle nostre affermazioni. La kinesiologia è dunque un potente mezzo per dialogare con il nostro corpo.

riflessologia plantare

La riflessologia ha origini molto antiche e si basa sulla consapevolezza che nei nostri piedi è riflesso l’intero corpo; attraverso la riflessologia plantare, dunque si possono raccoglierne i messaggi. Questa tecnica non è un metodo per diagnosticare malattie ma una valutazione energetico-funzionale globale, che può essere utilizzata per favorire il riequilibrio e ha un forte valore di prevenzione. È una tecnica non invasiva, efficace e naturale, che produce uno stimolo volto ad attivare le risposte interne di autoregolazione dell’organismo. La sua azione si esplica con la stimolazione, mediante pressione manuale, di specifici punti di riflesso posizionati sui piedi e relazionati energicamente con organi e apparati. Grazie alle reti neurali associate ai circuiti neuro-riflessi, la riflessologia agisce sul sistema nervoso, endocrino, immunitario, circolatorio, ormonale, portando a un riequilibrio profondo e globale e ripristinando l’omeostasi, la naturale tendenza dell’organismo al raggiungimento di una stabilità relativa. Il massaggio riflessologico rafforza la tendenza del corpo all’autoconservazione, stimolando i processi di autoregolazione e autoguarigione.