menu

La Giara

Il luogo in cui custodire la tua crescita

Così come a metà di un lungo cammino trovare una fonte d’acqua per dissetarsi e riposare un po’ è fondamentale per recuperare le energie, ognuno di noi ha bisogno di un luogo in cui abbeverarsi di sé. Viviamo in un mondo in cui tutto scorre in maniera incessante, e a volte non si ha il tempo per trattenere le nostre esperienze, per conservarle, per fare in modo che sedimentino: necessitiamo tutti di una Giara.

La Giara è un recipiente che ha una lunga storia e diverse funzioni. Utilizzata fin dai tempi antichi, in un’epoca in cui i ritmi della natura venivano ancora rispettati, la Giara proteggeva e difendeva il suo prezioso contenuto, in particolare l’acqua indispensabile per la sopravvivenza.

Era un oggetto prezioso anche perché realizzato dall’uomo, dalle sue mani, con un materiale come la terra, che nella sua semplicità è resistente, impermeabile, inalterabile; in una parola, indispensabile.

Qui la Giara rappresenta un contenitore di percorsi dedicati alla parte più preziosa di noi, quella che spesso dimentichiamo di proteggere e di conservare: la nostra interiorità, la nostra essenza, il nostro essere.

Scegliere di intraprendere un percorso significa scegliere le cose buone, e quindi anche la Giara, che è il nostro stesso corpo. Vivremo modi nuovi per conoscerci e illuminare quei lati che a volte non sappiamo nemmeno di avere, perché non siamo abituati a esplorarli: la nostra cultura e le nostre tradizioni non danno loro né visibilità né spazio, mentre altrove, nel mondo, quegli aspetti del sé sono al centro dell’esistenza e vengono quotidianamente nutriti e valorizzati. Ed è proprio a questo che serve la Giara.

riflessologia plantare

La riflessologia ha origini molto antiche e si basa sulla consapevolezza che nei nostri piedi è riflesso l’intero corpo; attraverso la riflessologia plantare, dunque si possono raccoglierne i messaggi. Questa tecnica non è un metodo per diagnosticare malattie ma una valutazione energetico-funzionale globale, che può essere utilizzata per favorire il riequilibrio e ha un forte valore di prevenzione. È una tecnica non invasiva, efficace e naturale, che produce uno stimolo volto ad attivare le risposte interne di autoregolazione dell’organismo. La sua azione si esplica con la stimolazione, mediante pressione manuale, di specifici punti di riflesso posizionati sui piedi e relazionati energicamente con organi e apparati. Grazie alle reti neurali associate ai circuiti neuro-riflessi, la riflessologia agisce sul sistema nervoso, endocrino, immunitario, circolatorio, ormonale, portando a un riequilibrio profondo e globale e ripristinando l’omeostasi, la naturale tendenza dell’organismo al raggiungimento di una stabilità relativa. Il massaggio riflessologico rafforza la tendenza del corpo all’autoconservazione, stimolando i processi di autoregolazione e autoguarigione.